Villa minoica Nirou

Villa minoica Nirou

Also available in English German French Italian

A circa 15 chilometri a est di Heraklion, dopo Amnissos e Kako Orosnell'area dell'attuale insediamento di Kokkini Hani, troviamo un importante sito archeologico, dove è stata portata alla luce una grande e lussuosa villa minoica. È anche conosciuta come Villa Nirou, che prende il nome da un insediamento più antico che esisteva in quel luogo (N?rou Hani).

Si trattava di un edificio a due piani con una bella vista sul mare, risalente al periodo neopalaziale. Considerando i blocchi di bugnato della facciata, gli affreschi, le decorazioni colorate, le travi in legno delle pareti e l'impianto architettonico generale, la villa doveva avere un carattere palaziale. Si estendeva su una superficie di circa 1.000 metri quadrati, con una quarantina di stanze al piano terra e due corti pavimentate, una a sud e una a est. In una delle corti sono stati rinvenuti una piattaforma o un altare con tre gradini e una coppia di corni di consacrazione, che molto probabilmente avevano un uso rituale; questa corte ricorda i teatri di Cnosso e Phaistossu scala più piccola.

L'ingresso della villa era a collonnine e conduceva alla sala principale, che presentava tramezzi con porte e pilastri (polyhyra). Da lì, i corridoi conducevano alle altre parti della villa. Nel santuario, all'angolo sud-est del complesso, c'era un focolare (istià) dove probabilmente si svolgevano i sacrifici. Durante gli scavi, nel santuario sono state rinvenute quattro colossali doppie asce in bronzo, che oggi si possono ammirare nel Museo Archeologico di Heraklion. Nella villa sono presenti alcuni altri ambienti significativi, come i magazzini degli altari, dove sono stati rinvenuti 40-50 altari fittili (tavoli tripodi in terracotta), e la sala delle lampade, il cui pavimento era decorato con pietre multicolori che dovevano dare l'impressione di un mosaico. È stata così chiamata perché vi sono state rinvenute quattro lucerne, due delle quali con piedistallo e un alto supporto cilindrico.

 

Tenendo conto di questi ritrovamenti, gli archeologi sono giunti alla conclusione che la villa in questione era stata più di un semplice quartier generale di un governante locale. Molto probabilmente era stata la sede di un funzionario di palazzo di Cnossoe forse di qualche alto sacerdote, che usava questi vasi e articoli liturgici ieratici per i rituali della religione minoica. Villa Nirou era probabilmente il centro di un insediamento minoico locale. Un po' più a ovest, nella località di Agii Theodori, dove il Albergo Knossos Oggi si trova un porto minoico e sono stati scavati vari edifici e installazioni. Villa Nirou è stato distrutto nel 1490 a.C. da un vasto incendio, che ha lasciato segni distintivi sul luogo.

 

it_ITIT