Arti popolari cretesi

Arti popolari cretesi

Also available in English German French Italian

Creta può vantare, tra l'altro, una tradizione ricca di artigianato e manifattura in settori come la ceramica, l'intaglio del legno, la tessitura, il ricamo, la lavorazione dei metalli e la creazione di gioielli.

Qui diamo uno sguardo più da vicino a ciò che rende le arti popolari cretesi così speciali e uniche.

Arti popolari

In questa tradizione artistica vivono l'originalità e l'ingegno lasciati in eredità non solo dai minoici, ma anche da tutte le influenze culturali successive nel corso dei secoli. Tutte queste abilità artigianali si sono sviluppate rapidamente in quei periodi in cui l'isolamento e gli imperativi storico-sociali richiedevano ai cretesi l'autosufficienza. Oggi la pressione di queste condizioni sociali è venuta meno, ma l'attività artistica sopravvive. Di conseguenza, non è difficile per il visitatore esplorare prodotti tradizionali e testimoniare abilità che si basano su radici antiche. Non è nemmeno necessario cercare molto lontano, laboratori contemporanei e musei popolari si trovano in tutta la campagna.

Tessitura e ricamo

Un altro settore dell'artigianato in cui Creta La tessitura e il ricamo sono i settori che più di ogni altro mostrano una tradizione secolare e una notevole produzione moderna. Anticamente, la maggior parte delle case aveva una stanza dedicata alla tessitura di stoffe ornate e decorate. Tra i centri più importanti per la tessitura c'erano le Sfakia e la regione pedemontana di Monte Psiloriti nei villaggi di Anogia, Krousonas, Zaros, così come il villaggio di Kritsa e Viannos a Dikti e altri in Montagne di Sitia. Oggi l'industria è in declino, e alcuni esempi possono essere solo in aree intorno a Psiloriti (Krousonas, Gergeri, Zaros e Anogia) e Dicte (Viannos) dove le donne, per lo più quelle più anziane, continuano a realizzare gli unici prodotti cretesi in tessuto, come si faceva secoli fa. I motivi decorativi, oltre a vari motivi geometrici, utilizzano immagini prese in prestito dalla natura e dalle attività umane quotidiane.

Moneta antica

Ceramica

L'artigianato della produzione di vasi a Creta ha una storia ininterrotta da circa otto millenni. Oggetti di argilla risalenti al periodo neolitico (a partire dal 6000 a.C.) sono esposti in molti musei. Seguendo le orme dei loro antenati, i vasai moderni creano e decorano oggetti di grande valore. Oltre ai singoli laboratori sparsi per l'isola, esistono ancora oggi grandi centri di lavorazione della ceramica che possono essere visitati. Nei villaggi di Margariti (Prefettura di Rethymno), Trapsano (Heraklion), a Nochia (Chania) e Kentri (Lasithi), troverete alcune delle più importanti. Continuano a dare lavoro a un gran numero di abitanti, mantenendo la lunga tradizione dei ceramisti cretesi.

Costruzione di strumenti musicali tradizionali

In passato, gli strumenti musicali tradizionali erano costruiti dagli stessi musicisti. Il flauto o il flauto dolce (chabiola) era fatta di canne, la cornamusa (askomandoura) dalla pelle di una capra intera, e la lyra dal legno di gelso, acero o noce. L'arco della lira era ricavato dall'albero di nespolo (despola o mousmoula), le sue corde erano ricavate dalla coda di un cavallo ed erano appese a piccole campane (le cosiddette campane a falco). Oggi una nuova generazione di costruttori di strumenti che conoscono bene i loro strumenti e la tradizione musicale cretese sta portando avanti questa forma d'arte tradizionale in modo creativo. Uno dei luoghi più significativi per la conservazione degli strumenti tradizionali è la Labirinto nel villaggio di Houdetsi nel Prefettura di Heraklion.

Scultura in legno

L'artigianato dell'intaglio del legno ha una lunga storia e si è affermato durante il periodo bizantino. Si concentra su oggetti di qualità, per lo più nel regno dei mobili intagliati e degli oggetti pratici e utilitari, oltre ad alcuni di uso ecclesiastico. Queste opere intagliate sono dominate da schemi decorativi di ispirazione geometrica e da motivi arricchiti da temi tratti dal regno vegetale e animale. Ancora oggi in molti villaggi, soprattutto nelle regioni montuose, si possono trovare eccellenti piccoli oggetti fatti a mano in legno.

Coloranti vegetali

Creta ha una lunga tradizione di tintura, soprattutto della lana. I colori erano solitamente ottenuti da piante e animali. In passato, e in parte anche oggi, la lavorazione delle materie prime veniva effettuata dagli stessi tessitori, che lavoravano tutti i prodotti utilizzati nel processo di tessitura. In epoca minoica era ben nota la produzione di tinture viola dalle conchiglie marine, così come di altri colori ricavati da elementi come la kerma insetto (prinokouki) che si nutre delle foglie di varie querce e cedri. Anche se è difficile da esaminare nella sua interezza, l'antica tradizione delle tinture a base di erbe e vegetali continua ancora oggi nella zone montuose di Creta, in particolare Mylopotamos.

Cestineria

Uno dei mestieri più antichi del repertorio popolare cretese, la cesteria è oggi purtroppo in declino. Grazie all'uso di manufatti flessibili ricavati da arbusti, piante e canne, la gente era in grado di fabbricare molti degli oggetti pratici necessari allo stile di vita agricolo e pastorale.

 

it_ITIT