Sito archeologico di Gournia

Sito archeologico di Gournia

Also available in English German French Italian

L'antica città di Gournia prosperato nei primi anni del Tardo minoico (1600 a.C.), quando aveva una popolazione di circa 4.000 persone. È probabilmente il sito più accuratamente scavato Neopalazzo complesso residenziale di epoca minoica, in tutta Creta. Fu distrutto da un incendio e saccheggiato poco prima della fine dell'epoca minoica, per non essere mai più ricostruito.

Il nome del sito è dovuto a i piccoli abbeveratoi (gournes) rinvenuti prima dell'inizio dei lavori di scavo, che facevano parte delle case dell'insediamento minoico. Negli ultimi anni, soprattutto nei villaggi montani di Creta, si possono ancora trovare case con abbeveratoi in pietra o in legno (chiamati anche gourni o gournidi) per abbeverare i cani domestici, i maiali e gli asini. L'antico nome della città rimane sconosciuto.

L'accordo di Gournia ci fornisce un'immagine chiara della vita quotidiana dei minoici. Considerando i vari strumenti rinvenuti in situ, come seghe, scalpelli, aghi, ami da pesca e martelli di vario tipo e utilizzo, possiamo ipotizzare che la popolazione si occupasse principalmente di agricoltura, allevamento, pesca, edilizia, tessitura e ceramica. Una notevole anfora con coperchio sferico decorato con un polipo, un vero capolavoro dell'arte minoica, rinvenuta a Gourniaè indicativo delle elevate capacità artistiche possedute dai vasai locali. La città non fortificata era costruita su una bassa collina e aveva una forma irregolare. Le strade lastricate in pietra la dividevano in quartieri, attraversandola da nord a sud e intersecandone altri verticali; erano inoltre piuttosto ripide, formando livelli graduati, a seconda della pendenza, come si può vedere nel villaggi di montagna di Creta oggi. La maggior parte delle case aveva una sola porta, che si apriva sulla strada, mentre molte erano a due piani. Rovine di GourniaIl sito di un complesso di palazzi minoici, Ierapetra, Lasithi, sul isola di Creta, Grecia

Al centro della città, nel punto più alto, si trovava un edificio più grande, presumibilmente il palazzo o l'edificio amministrativo del sovrano locale. A sud di questo edificio, c'era un'ampia area pianeggiante utilizzata come agorà o luogo di festa. Una scala collegava questa corte al palazzo, e una piattaforma si poteva vedere in esso. Il sovrano locale, che deteneva il potere politico e religioso, forse lo usava quando parlava con il suo popolo. Un piccolo santuario si trovava a nord del palazzo, vicino al centro della città. Vi si accedeva attraverso uno stretto vicolo cieco (largo 1,50 m) molto utilizzato, a giudicare dalla pavimentazione ben usurata, il che indica che il santuario era molto frequentato e probabilmente pubblico, a differenza della maggior parte dei santuari minoici. 

Nel santuario sono stati rinvenuti numerosi oggetti rituali, come una statuetta di argilla che rappresenta la dea Serpente venerata nel santuario (con le braccia alzate avvolte da serpenti), un altare tripode di argilla, doppie asce e altri. Inoltre, sono stati rinvenuti vasi splendidamente dipinti e diverse pentole e utensili domestici, simili a quelli odierni. Gournia, gettando ampia luce sulla vita privata dei minoici. La città minoica di Gournia molto probabilmente non era ricco; i suoi abitanti si guadagnavano da vivere con l'agricoltura e la manifattura di media qualità, mentre il sovrano locale viveva vicino e in mezzo ai suoi cittadini, vista la posizione del suo palazzo.

 

 

it_ITIT