Altopiano di Lassithi

Altopiano di Lassithi

Also available in English German French Italian

Ad un'altitudine di 850 m, il Altopiano di Lasithi è la più grande pianura montana di Creta e l'unico occupato tutto l'anno. Di forma approssimativamente ovoidale, si estende per 11 km in direzione est-ovest e 6 km in direzione nord-sud. La circondano le cime Selena (1559 m) a nord, Afendi (1588 m) e Louloudaki (1163 m) a ovest, Spathi (2148 m) a sud e Katharo (1564 m) e Varsami (1545 m) a est. L'allevamento e l'agricoltura erano le principali occupazioni del passato.

Oggi questo enorme polje del Dikte Il massiccio è stato trasformato in un gigantesco giardino. Fino a pochi anni fa, l'irrigazione era gestita da migliaia di piccoli mulini a vento. In un certo senso, si trattava di un'enorme fattoria del vento, nella sua forma tradizionale utilizzata per pompare acqua, non per produrre elettricità. La presenza di insediamenti umani in quest'area risale a migliaia di anni fa. La grotta Dictean, sopra Psicoè dove, secondo le leggende greche. Zeus è stato sollevato. Neolitico e Minoico I ritrovamenti sono piuttosto estesi; un'importante grotta funeraria (EM-MM) è stata rinvenuta a Aghios Charalambos, insediamenti di epoca palaziale e successiva sono stati identificati a Papoura (a nord-ovest del villaggio di Lagos) e Plati non lontano dalla Grotta.

Altopiano di Lassithi

Gli inglesi (es. Evans e Pendlebury) ha esplorato e scavato siti sulle colline e sulle vette intorno a Karfi per eccellenza, dalla fine del Età del bronzo. In genere non erano fortificati, ma si trovavano in posizioni di difficile accesso; i forti veneziani furono probabilmente costruiti su queste rovine precedenti. Dopo il 600 a.C. il Papoura L'insediamento si sviluppò notevolmente, aprendo nuove aree; divenne una città fiorente fino al periodo romano. Sotto i Bizantini la vita continuò a fiorire fino al 1211, quando passò sotto il controllo veneziano. Le grandi ribellioni dei Agiostefaniti, del Psaromelingoi e il Kallergidoi, erano tutti incentrati su Lassithi. Per questo i veneziani la consideravano la "spina nel cuore di Venezia".

Nel 1263 i Veneziani sfrattarono gli abitanti, sradicarono gli alberi e vietarono il pascolo nella regione; così rimase deserta per duecento anni. Poi, nel 1463, Venezia affittò la pianura per la produzione di grano - ne aveva bisogno per sfamare la sua marina e il suo esercito - ed eseguì operazioni e tagli di canali di drenaggio - le cosiddette linies - per far fronte alle acque stagnanti; l'area fu divisa in isolati (ancora oggi visibili). I discendenti degli abitanti originari cominciarono a tornare nella zona, che fu lentamente rivitalizzata.

Dopo la conquista del Peloponneso da parte dei Turchi, i Veneziani trasferirono i profughi e li insediarono nella pianura, dove rimasero fino a quando i Turchi non si impadronirono di Creta e Lassithi passò nelle loro mani. Fu allora che la zona divenne nuovamente un centro di resistenza. Oggi intorno al bordo della pianura sorgono 17 villaggi: dall'ingresso nord, e in senso orario dopo Pinakiano sono Lagos, Tzermiado, Farsaro, Marmaketo, Aghios Konstantinos, Mesa Lassithi, Mesa Lasithaki, Aghios Georgios, Koudoumalia, Avrakonte, Kaminaki, Magoula, Psico, Plati, Aghios Charalambos e Kato Metochi.

Molti abitanti migrano per i mesi invernali nei villaggi della zona di Heraklione che ritornano in primavera. L'occupazione principale è l'agricoltura, con l'aggiunta di artigianato e turismo.

 

it_ITIT