Antica Lebena

Antica Lebena

Also available in English German French Italian

Lebena (Levin) era un'antica e ricca città, situata ai piedi meridionali della Asterousia sulle montagne, sulla costa dove si trova l'attuale insediamento di Lentas. Era un porto di Gortyne famosa per il suo Asklepieion (tempio di guarigione), visitato da fedeli provenienti da tutto il mondo. Creta e Libia.

Il nome Lebenais è probabilmente di Fenicio (labi = leone) ed è stato ispirato dal modo in cui la penisola a ovest di esso, assomiglia alla testa di un leone. L'area fu abitata per la prima volta durante il Neolitico finale. Considerando i numerosi reperti archeologici rinvenuti nelle tombe proto-minoiche scavate nella zona, si può affermare che un insediamento fiorì nel periodo proto-minoico. Sembra che questo primo insediamento avesse già stabilito relazioni commerciali con l'Egitto, l'Oriente e le Cicladi. La città, tuttavia, raggiunse il suo apice durante il periodo ellenistico e soprattutto romano, quando Gortyn è diventato il più potente città di Creta. Lebena era il suo porto, e anche il luogo scelto dal Gortynians per stabilire un santuario di Asklepiosnel IV secolo a.C. Era simile all'Asklepieion di Epidauro, nel Peloponneso. Questo santuario, dove Asklepios e Igeia è stato costruito in corrispondenza di una sorgente termale terapeutica. Era un famoso centro di idroterapia e fisioterapia e funzionava anche come sanatorio.

Alla metà del I secolo d.C., la zona fu scossa da un forte terremoto che distrusse completamente il santuario e gran parte della città. Si dice che la linea di costa cambiò e il mare si ritirò di oltre un chilometro (7 stadi = 1.296,05 metri). Tuttavia, la città fu ricostruita e continuò a essere un centro commerciale molto importante per diversi secoli. Durante il Primo Bizantino due basiliche degne di nota sono state erette in Lebenadi cui oggi sono visibili le tracce. Gli insediamenti della zona furono abbandonati a causa delle continue incursioni dei pirati che si verificarono nel corso del VII secolo d.C., precursori della successiva occupazione araba.

L'area non ha un sito archeologico organizzato, tuttavia le tracce del suo passato sono chiaramente visibili all'interno e intorno all'attuale insediamento di Lentas. Il AsklepieionTra queste spicca quella costruita su una piattaforma artificiale, con una maestosa scalinata di accesso. La piattaforma era ricoperta di lastre di marmo e il suo perimetro era decorato con mosaici. Le pareti superstiti del tempio erano costruite con mattoni e rivestite di marmo bianco. Sono visibili anche due alte colonne di marmo e un basamento lungo 6 metri, che ospitava le statue di Asklepios e Igeiaè conservata sulla parete occidentale. Purtroppo, le statue sono state distrutte alcuni decenni fa, da contadini locali che credevano che all'interno fosse nascosto un tesoro.

A nord del santuario c'era una grande galleria (stoa) in cui si trovavano gli alloggi dei sacerdoti e dei avaton (= luogo sacro o stanza in cui l'accesso era limitato o vietato) del santuario. Solo i pazienti ricoverati potevano entrare nel avatone lo facevano solo per dormire. Questo faceva parte del loro piano di trattamento e si credeva che dopo un sonno profondo qui avrebbero fatto sogni terapeutici e si sarebbero svegliati con la salute ristabilita.

Sul lato orientale del santuario è stata rinvenuta una fontana, che probabilmente segnava la sezione centrale di una struttura precedente del santuario e il luogo in cui si trovava la sorgente terapeutica su cui è stata costruita la fontana. Un altro importante ritrovamento archeologico è il tesoro, situato nella galleria occidentale del santuario. Sotto il pavimento è stato rinvenuto un altro pavimento a mosaico, diviso in due sezioni. Una sezione raffigura un cavalluccio marino incorniciato da un disegno a spirale ripetuto, mentre l'altra rappresenta due palme. Questo pavimento proteggeva una cripta sotterranea, che era sigillata da una copertura con una serratura. Questa copertura è stata trovata all'interno della cripta, rotta, forse vandalizzata da saccheggiatori del periodo tardo-romano o bizantino. Secondo un'iscrizione, tutte le offerte dedicate al dio Asklepios erano conservati all'interno di questa cripta.

Una basilica protobizantina del V o del VI secolo d.C. è stata portata alla luce a est dell'edificio. Asklepieion. Aveva tre navate, un tetto in legno e un nartece. I materiali utilizzati per la costruzione provenivano da edifici dell'epoca. Ellenistico e Romano periodo. La basilica stessa fu inizialmente costruita alla metà del V secolo d.C., distrutta alla metà del VI secolo e poi ricostruita, con le stesse dimensioni e la stessa forma.

 

 

 

it_ITIT