Antica Itanos

Antica Itanos

Also available in English German French Italian

Itanos è stata una delle città costiere più importanti della Creta orientale dal Epoca minoica fino ai primi anni del cristianesimo. Oggi l'area è conosciuta come Erimoupoli o Erimopoli. Dominava su tutta la costa orientale dell'isola. Sitia, da Capo Samonion (oggi noto come Kavos Sideros) a Capo Erithraion (oggi noto come Capo Goudouras), e la piccola isola di Lefki (Koufonisi). 

La città è menzionata anche dallo storico Erodoto. Quando Pitia, la sacerdotessa del Oracolo a Delfi, ha istruito il popolo di Thera per stabilire una colonia in LibiaInviarono una missione di delegati a Creta, alla ricerca di uomini che fossero in grado di guidarli. Arrivarono a Itanosdove si imbatterono in un pescatore di Murex conchiglie con il nome di Korobiosche descrisse come una volta un forte vento l'avesse portato via per Libia. Il Itanici e lo convinse a portarli lì, dove alla fine fondarono la colonia di Cirene, nel 630 a.C.. Stefano di Bisanzio (Stephanos Byzantios, autore greco del V-VI secolo d.C.) ha citato anche Itanos nel suo lavoro. Egli riteneva che la città prendesse il nome da un individuo chiamato Itanos da Phoenix e che Itanos era una colonia della I Feniciche sono stati coinvolti in Murex pesca delle conchiglie e lavorazione del vetro.

Antica area di Itanos sull'isola di Creta

I commercianti fenici usavano Itanos come base, scambiando materie prime da Fenicia con prodotti cretesi. Hanno anche mantenuto laboratori per la lavorazione di Murex conchiglie da cui si ricavava una tintura viola, oltre a laboratori di vetro e tessili. Itanos è sempre stato un Siriano e un Fenicio stazione commerciale intermedia, dove Fenicio vennero venerate le divinità. La città è menzionata nelle tavolette in lineare B di Cnosso come "u-ta-no". In Capo S?derosI navigatori che viaggiavano da e verso l'Oriente veneravano i cosiddetti dei della Venti, che in seguito sostituirono con il culto di Poseidone.

Itanos era un importante porto e una stazione commerciale di transito tra Creta e il Oriente. A giudicare dalla moltitudine di templi e dall'esistenza di lussuosi edifici in marmo, sembra che la città si sia arricchita grazie alla sua flotta, al commercio di transito, alla lavorazione della tintura di porpora, alla produzione di vetro e alla pesca, oltre che ai cospicui introiti che otteneva dal santuario di Zeus dittico. Tuttavia, questa ricchezza fu il motivo per cui Itanos fu ambita e alla fine conquistata dal popolo di Dragmos, una città che in passato ha pagato un tributo a Itanos. Inoltre, quando il Ieromonaci distrutto Praisos, hanno soppresso ancora di più Itanos.

Dopo la conquista romana, Itanos riuscì a mantenere il suo status e a prosperare, sempre grazie al commercio e alla navigazione. Coniava la propria moneta, monete che raffiguravano tritoni (divinità marine della Creta orientale), tridenti e pesci, come si addiceva a una città marittima. Il nomismatologo e archeologo del XIX secolo Ioannis N. Svoronos ha citato molte di queste monete nella sua opera. Durante il periodo paleocristiano, nella città furono costruite maestose chiese, le cui rovine sono visibili ancora oggi.

Itanos fu distrutta nel IX secolo d.C. dai Saraceni o forse a causa di un terremoto avvenuto nel 795 d.C.. Sembra che gli Itanici abbiano occupato nuovamente la città dopo il suo crollo. Tuttavia, fu completamente distrutta dalle incursioni dei Corsari nel XV secolo e gli abitanti furono costretti a ritirarsi in insediamenti montani più sicuri. Itanos Inizialmente era un regno, ma il suo sistema politico è stato successivamente trasformato in democrazia; era governato dalla kosmoi (nobili della città), i Senato e il Ecclesia (un organo politico composto da tutti i cittadini maschi). Si ritiene che nel III secolo a.C. sia stato fatto un tentativo di abolire la democrazia. In queste circostanze, l'aiuto di Tolomeo Filadelfo d'Egitto è stato cercato; ha inviato il suo generale Patroclusto per aiutare gli itaniani e si dimostrò molto utile.

Un'iscrizione tombale del III secolo a.C. è visibile incorporata nell'architrave della chiesa di Agios Ioannis. Si tratta di un cittadino di Itanos che, secondo l'iscrizione, si dimostrò un arciere così eccellente al servizio del suo Paese, da poter essere paragonato all'arciere di Itanos. Ecebolo (= tiro da lontano) Febo (= radiante) Apollo stesso. Diverse iscrizioni tombali dei primi anni del cristianesimo sono state rinvenute anche a Itanos.

Nel 1919 è stata scoperta un'antica tomba, coperta da due grandi lastre iscritte che oggi si possono ammirare nella Museo Archeologico di Heraklion. Queste lastre sono state realizzate con una pietra calcarea locale, di colore grigio scuro e di consistenza dura (titanolito) che è stato estratto presso la Capo Sideros zona. Una di esse reca un'iscrizione appena visibile, composta da 98 righe, di cui è possibile identificare solo poche lettere, a causa dell'erosione. Si tratta di una notevole iscrizione storica del II secolo d.C., relativa alla secolare disputa tra le popolazioni di Itanos e Gerapietrasulla supremazia nel santuario di Zeus dittico. L'altra lastra (del III secolo a.C.) riportava un decreto del popolo di Itanos, onorando il Macedone generale Patroclo.

 

it_ITIT