Città vecchia di Chania

Città vecchia di Chania

Also available in English German French Italian

Il centro storico di Chania incarna la lunga storia della città. Nei pittoreschi vicoli, i visitatori possono vedere i segni lasciati da ogni civiltà che si è stabilita qui per un periodo di tempo nel passato.

Monumenti ed elementi architettonici veneziani, ottomani e neoclassici, antichi quartieri, siti storici e tanti colori locali caratterizzano il centro storico di Chania, che è giustamente chiamato da alcuni ?, "Venezia d'Oriente?. Un tempo era circondata da mura, di cui oggi sopravvivono solo alcune parti. La Città Vecchia si estende nell'entroterra del porto veneziano e comprende i quartieri di Topanas, Splantzia, Kasteli, Santrivani e il quartiere ebraico. Kasteli, costruita su una collina nel cuore della città vecchia, è la zona popolata più antica di Chania, dato che è stata abitata fin dal Neolitico.

Splantzia, situata a est di Kasteli, è l'antico quartiere della popolazione musulmana. Qui si trovava la moschea centrale della città nel periodo turco, ospitata nella chiesa di Agios Nikolaos, costruita intorno al 1320 come monastero dell'Ordine domenicano. I conquistatori turchi vi aggiunsero un minareto e la trasformarono in moschea (in turco, Hünkar Camisimoschea dell'imperatore). Nella piazza di Splantziasi può anche vedere un alto platano (dove i turchi impiccarono il vescovo Melhisedek Despotakis) e la chiesa veneziana di San Rocco (Agios Rokkos), che si riteneva fosse il protettore della città contro la peste. Guardando verso il mare, i cantieri navali veneziani (neoria) con il Grande Arsenale (Megalo Arsenali) sono di particolare interesse.

Moschea nell'antico porto veneziano della città di Chania

Passeggiando per le strette e pittoresche strade di Splantzia ai vicoli acciottolati di TopanasNel quartiere aristocratico cristiano, con la sua imponente architettura, si possono ammirare case nobiliari veneziane con facciate elaborate e palazzi di architettura ottomana con le loro caratteristiche. sachnisia (plurale di sachnisi= tipo tradizionale di bovindo). Nel quartiere ebraico (Ovriaki sinikia), altrettanto bello, si possono visitare le Kehal Hayyim sinagoga, l'unica sopravvissuta a Chania, e il Museo Archeologico, ospitato nella chiesa francescana. monastero di San Francesco (Agios Franghiskos). Le case delle famiglie ebraiche più importanti si trovavano un tempo in Via Kondilaki, la strada principale del distretto.

La piazza Sintrivani (piazza della fontana) è sempre stata un luogo di incontro per gli abitanti di Chania. È anche conosciuta come Eleftheriou Venizelou piazza perché è qui che il Primo Ministro Eleftherios Venizelos era solito tenere i suoi discorsi. Oggi la piazza è ancora un punto di incontro per i turisti e per la popolazione locale. Il centro storico di Chania, ricco di suoni e colori diversi, compare nelle fotografie di ogni visitatore. I monumenti veneziani e turchi, gli edifici neoclassici, i vicoli stretti con i balconi pieni di fiori, le tradizionali botteghe di coltelli e i negozi di stivali cretesi, la passeggiata lungo il porto veneziano, i vivaci ristoranti e caffè, compongono un ritratto vivido di una città storica che ricorda il passato e celebra il presente.

 

it_ITIT