Vini di Creta

Vini di Creta

Also available in English German French Italian

Nel periodo minoico, Creta era già emersa come una delle più importanti regioni vitivinicole, con prodotti di qualità e una sana produzione di famosi vitigni.

L'uso del vino, con moderazione, è stato promosso da Ippocrate, il Padre della medicinasia per i sani che per i malati. AsclepioLe parole sono in accordo: "l'utilità del vino è seconda solo al potere degli dei, se viene usato con moderazione".

Oltre ai valori nutrizionali, il vino ha una funzione antibiotica. La proprietà antimicrobica e antibatterica del vino è dovuta al suo contenuto alcolico, agli acidi e in particolare ai tannini presenti. Inoltre, la sostanza resveratrolo nel vino rosso abbassa il colesterolo "cattivo", aumentando così la percentuale di colesterolo "cattivo". HDL (colesterolo "buono") nell'uomo. Pertanto, il vino rosso aiuta a proteggere l'organismo dalle malattie cardiovascolari.

Grazie ai polifenoli presenti e alle vitamine antiossidanti (C ed E), il vino protegge anche l'organismo dai dannosi "radicali liberi", che sono anche implicati nella crescita dei tumori.

Ricerche più recenti dimostrano che alcuni polifenoli del vino inibiscono l'azione di enzimi che agiscono da catalizzatori nella formazione del cancro. Vino sembra anche rallentare l'insorgere della demenza senile e la progressione della Alzheimer.

Oggi l'accettazione del Dieta cretese come ideale e salutare porta a riconoscere l'impatto positivo del vino cretese sulla salute, ovviamente come sempre, con moderazione!

Uva da vino

Malvasia, il vino cretese

Sappiamo che nei primi due secoli di Veneziano (XIII e XIV secolo a.C.), Creta era principalmente una zona di produzione di cereali. In questo stesso periodo, il vino cretese inizia a guadagnare terreno; nel XV secolo esiste un grande mercato di esportazione.

Il viaggiatore italiano Buondelmonti rapporti su Creta nel 1415: "le navi arrivano qui da ogni angolo del mondo e caricano ogni anno 20.000 barili di vino di qualità eccezionale". Egli registra anche come dalle vicinanze di Candia (Heraklion) ? ?l'eccezionale Malvasia?.

Nel XVI secolo, abbiamo prove che i vini cretesi avevano iniziato a dominare un ampio mercato con esportazioni in Germania, Francia, Boemia, Inghilterra, Portogallo, Costantinopoli, Mar Nero e Alessandria.

Nel 1576 il Proveditore veneziano di Creta, Foscarini, ha dichiarato nel suo rapporto che l'esportazione annuale era di 60.000 barili. Knolles nel 1603 scrisse che "Creta è ora molto famosa in gran parte del mondo per il suo buon Malmsey (malavisia) che vi si produce e che viene portato in grandi quantità in molti paesi lontani. Queste testimonianze si combinano con un resoconto del viaggiatore Belon e altre autorevoli fonti storiche - anche con il fatto noto che nel 1421 il Portoghese preso Malvasia viti da Creta a Madeira - dimostrare in modo definitivo che Malvasia era un vino cretese e veniva chiamato così in onore del Malevizi regione.

Questo legame è stato di volta in volta documentato da importanti studiosi di Creta: Psilakis, Xirouchakis, Xanthoudides, Detorakis T e E, e Faure. Più recentemente Alexiou ha dichiarato che in epoca veneziana, al di fuori delle fortificazioni occidentali di Heraklion, iniziarono i vigneti che si estendevano per tutta la regione di Heraklion. Malevizi ai piedi dell'Ida. A questo si riferisce chiaramente il poeta Marinos Zane Bounialiche ha descritto dettagliatamente la guerra cretese, raccontando che all'epoca la Turchi sigillato Heraklion I bambini venivano dalle porte occidentali delle mura per tagliare l'uva. L'intera regione era ed è produttrice di vino e, di conseguenza, per Alexiouera naturale che il vino prodotto in quel luogo prendesse il nome della località".

I vigneti cretesi

La parte viticola della Prefettura di HeraklionIl sentiero, in un certo senso il più antico d'Europa, si estende ininterrottamente da un'altitudine di 600 m fino al mare. Si snoda senza ostacoli attraverso molti paesaggi diversi, seguendo ogni collina e piega, in salita e in discesa, una delizia per gli occhi di chi guarda.

L'inverno mite, l'estate calda e asciutta di CretaIl sole e le fresche correnti settentrionali provenienti dal mare di Creta assicurano un ciclo di crescita della vegetazione senza sorprese e problemi nei vigneti dell'isola, dotandoli di eccellenti varietà di uve locali.

Non c'è quindi da stupirsi che Creta abbia una reputazione vinicola di oltre 4000 anni. Scoperte come una vite coltivata a Kato Zakros e la stampa a Vathypetro sono tra le più antiche scoperte del genere al mondo.

A volte i vini cretesi hanno avuto un grande successo commerciale. Tra le tappe principali di questo lungo percorso, il periodo tra il I e il II secolo d.C., quando le annate cretesi, sigillate in anfore, sono registrate in tutto il Mediterraneo; e ancora sotto la dominazione veneziana (dal XII al XVI secolo), quando si raggiunse l'apice della fama con il famoso vino dolce Malvasia.

Fino ad oggi, le favorevoli condizioni del suolo di Creta supportano eccellenti varietà di uve, da cui nascono i meravigliosi vini che accompagnano ed esaltano i sapori di una delle cucine più salutari del mondo.

Probabilmente si trova nell'ampia zona al centro dell'isola? Malevizi, Arcianes, Peza e Episkopi fino al Messara che le attività di viticoltura e vinificazione sono state mantenute nei secoli, fornendo un commercio economico fondamentale per la gente del posto.

In questa regione operano attualmente alcuni dei più importanti e dinamici produttori di vino del Paese. Prefettura di Heraklion, anzi all'interno di tutti Creta. Producono vini di varietà locali e introdotte, riconosciuti e premiati a livello internazionale.

 

it_ITIT