Tempi moderni

Tempi moderni

Also available in English German French Italian

Dopo molti tentativi falliti, la vittoriosa insurrezione dei cretesi tra il 1896-1898 costrinse la Grandi potenze per fare pressione sul Sultano affinché conceda l'autonomia a Creta. Questo ha portato alla creazione dello Stato cretese semi-autonomo con Principe Giorgio di Grecia come Alto Commissario e Chania come capitale.

Indipendenza e Unione

L'amministrazione autoritaria del Alto Commissario creò rapidamente un conflitto con i cretesi dallo spirito libero. La loro natura rivoluzionaria e irrequieta portò alla fine al Rivoluzione Therissos nel 1905. Il leader della rivoluzione, Eleftherios Venizelosaveva partecipato in precedenza alle insurrezioni contro la Ottomani e all'epoca era ministro della Giustizia nel governo del principe Giorgio. La rivoluzione non durò a lungo, ma il sostegno a Venizelos divenne così grande che il Principe Giorgio si dimise e le Grandi Potenze ritirarono le loro truppe dall'isola. Seguirono elezioni in cui Venizelos emerse come leader indiscusso dello Stato cretese indipendente. Poco dopo fu chiamato in Grecia e ne divenne primo ministro nel 1910. In totale, fu eletto 8 volte e ricoprì l'incarico dal 1910 al 1920 e dal 1928 al 1933. Finalmente nel 1913, con l'aiuto di Venizelos, l'agognata unione di Creta con la Grecia. Viene firmato il Trattato di Londra e il sultano Maometto II rinuncia ai suoi diritti sull'isola. Nel dicembre dello stesso anno, la bandiera greca venne issata nella fortezza di Firkas a Chania in presenza di Eleftherios Venizelos e Re Costantino e Creta divenne parte della Grecia.

Secondo Mondo

L'importanza della libertà per i cretesi e la loro resistenza a qualsiasi pressione esterna divennero ancora una volta evidenti nel 1940, durante il Seconda guerra mondiale. La Divisione cretese partecipò, riportando grandi successi, al fronte albanese contro gli italiani. Dopo l'occupazione della Grecia continentale da parte della Potenze dell'AsseIl prossimo obiettivo della macchina bellica tedesca fu l'isola di Creta. La sua occupazione divenne una questione di importanza strategica, nella guerra che stavano già conducendo in Nord Africa.

La battaglia di Creta

Sull'isola di Creta sono rimasti circa 30.000 soldati britannici male equipaggiati e 12.000 soldati greci appena reclutati. Nonostante l'esiguità numerica, e in collaborazione con la popolazione locale, le forze riescono a resistere ai soldati tedeschi che sbarcano sull'isola per via aerea. La battaglia di Creta, durata solo dieci giorni, è stata caratterizzata da feroci scontri e ha comportato pesanti perdite da entrambe le parti. Alla fine, con la cattura di Maleme aeroporto in Chania, i tedeschi conquistarono una base stabile sull'isola e il 30 maggio, il ?Battaglia di CretaL'occupazione tedesca dell'isola durò quattro anni, un periodo stigmatizzato dalla costante resistenza della popolazione locale all'occupante tedesco. L'occupazione tedesca dell'isola durò quattro anni; un periodo stigmatizzato dalla costante resistenza della popolazione locale all'occupante tedesco. Come prevedibile, i tedeschi reagirono brutalmente per intimidire e soffocare ogni tentativo di resistenza. Centinaia di innocenti, uomini, donne e bambini vengono giustiziati, mentre interi villaggi vengono letteralmente distrutti. Rappresentativi sono i casi di Kandanos e Koustogerakos a Creta occidentale e Arvi a Creta centrale. Una vasta rete di resistenza fu organizzata sull'isola anche da agenti britannici sbarcati dall'Egitto sulla costa meridionale. Il comandante tedesco sull'isola, Generale Kreipeè stato rapito dalle forze della resistenza, nel 1944.

Storia moderna

Nel 20° secolo, l'isola di Creta, ma soprattutto Heraklion, Rethymno e Chaniasono caratterizzati dalla fioritura delle arti. Poeti e romanzieri, filologi, storici e archeologi come Ioannis Kondylakis, Nikos KazantzakisIoannis Mourellos, Lefteris Alexiou, Galatia Kazantzaki, Elli Alexiou, Stefanos Xanthoudidis, Nexhinos Polaniosiniziano a far conoscere la loro impronta. Un'altra importante pietra miliare nello sviluppo culturale di Creta inizia con gli scavi dell'inizio del XX secolo, che hanno portato alla luce i monumenti unici e il glorioso passato di Creta. Creta. Allo stesso tempo, si assiste all'istituzione dell'unico Museo Archeologico di Heraklion prima della seconda guerra e la Museo storico di Creta. Dopo il 1960 sono stati istituiti musei archeologici anche in Chania, Rethymno, Agios Nikolaos e Kissamos e piccole collezioni archeologiche in Ierapetra, Arcianes, Gazi e Neapolis. La rinascita degli anni '60 ha trasformato l'isola, che ha iniziato a sperimentare la prosperità e una grande crescita della popolazione, anche se distribuita in modo diseguale. I rapidi cambiamenti degli ultimi 70 anni sono i più grandi che Creta abbia vissuto in tutta la sua lunga storia. I modi tradizionali di coltivare la terra furono abbandonati e bovini, asini, muli e cavalli quasi scomparvero. La coltivazione di cereali e legumi è scomparsa, la popolazione rurale è diminuita, le città e i paesi si sono espansi e il turismo è diventato la professione dominante.

it_ITIT