Antica Aptera

Antica Aptera

Also available in English German French Italian

Antica Aptera era una delle più importanti e potenti città-stato della Creta occidentale. Le sue rovine sono visibili sulla collina rocciosa che domina lo scenario a sud-est di Souda baia, sopra la strada nazionale che collega Chania a Heraklion (16 chilometri da Chania). La notevole estensione dell'area coperta da queste rovine è indicativa della potenza che Aptera durante il suo apice.

Secondo una storia, la città prese il nome dal re mitologico Pteras o Apterasche, come narra la leggenda, fu colui che costruì il tempio di Apollo a Delfinel 1800 a.C. Secondo un'altra versione della storia, la città deve il suo nome alle Sirene, che persero le ali a causa del loro dolore, quando furono sconfitte dalle Muse in una gara. L'antica parola greca "ptero" che significa "pennacchio" ci dà "aptero" o "senza ali". Senza le loro ali, le Sirene caddero in mare e si trasformarono nelle piccole isole oggi conosciute come Lefkes, che si può vedere nella baia di Souda.

La posizione eccellente e naturalmente fortificata della città si rivelò ideale e contribuì a farla diventare il più importante centro commerciale e politico della Creta occidentale. Aptera controllava l'attività marittima nella baia di Souda grazie ai suoi due porti, Minoa (corrente Marathi) e Kissamos (sotto Kalami villaggio). La città era protetta da estese mura ciclopiche.

La fortezza medievale turca dell'Antica Aptera a Chania

L'occupazione dell'area iniziò negli anni pre-ellenici e continuò fino al primo periodo bizantino. La città raggiunse il suo apice in epoca ellenistica (IV-III secolo a.C.), quando coniò la propria moneta.

In questo periodo Aptera era uno dei più importanti e ricchi centri marittimi, commerciali e manifatturieri di Creta. I reperti archeologici portati alla luce dimostrano che la città disponeva, tra l'altro, di notevoli laboratori per la produzione di armi. Si ritiene che le sue navi trasportassero merci locali verso l'Italia meridionale (Magna Grecia), ad altre città del mondo ellenico e all'Oriente, accumulando così ricchezze. In epoca romana, l'importanza di Aptera diminuì e la sua economia divenne agricola. Durante gli anni bizantini era ancora abitata e fu diocesi, nonostante avesse perso gran parte della sua antica potenza. Un terremoto nel VII secolo e gli attacchi dei pirati saraceni, poco più tardi, posero fine alla sua esistenza, approssimativamente tra l'820 e l'830 d.C..

Negli anni successivi, il Monastero di Agios Ioannis Theologos (San Giovanni il Teologo) è stata fondata sul sito dell'antica città e ha operato fino agli anni '60; è stata menzionata per la prima volta in documenti ufficiali nel 1181. La fortezza visibile a nord-ovest del sito archeologico fu costruita durante l'occupazione turca.

Il sito archeologico è oggi aperto ai visitatori e le rovine della città rivelano la sua antica grandezza e potenza. Le magnifiche cisterne romane a volta, ancora in ottimo stato, dominano il sito. Un tempo le cisterne servivano per rifornire d'acqua le terme private e quelle pubbliche (situate un po' più a ovest).

Aptera era circondata da mura ciclopiche, che si estendevano intorno all'altopiano roccioso su cui era costruita la città. Una parte delle mura sopravvive oggi (per una lunghezza di oltre 4 chilometri). Sono stati portati alla luce un piccolo tempio, una grande casa privata con un cortile colonnato, una necropoli con tombe scavate (situata a ovest di Aptéra) e un teatro. Del teatro sono stati portati alla luce l'auditorium (koilon = area di seduta), l'orchestra e le prime file di sedili.

Il monastero di Agios Ioannis Theologos è anche visibile, parzialmente restaurato, al centro del sito archeologico. A nord-ovest del monastero si trova una fortezza turca, che ospita eventi culturali ogni estate.

Orari di visita/informazioni

Mercoledì-domenica: 08:00-18:30

Lunedì - chiuso

 

*Gli orari di apertura sono soggetti a modifiche.

 

it_ITIT