Ideon Andron

Ideon Andron

Also available in English German French Italian

La grotta di Ideon Andron è considerata la grotta sacra dei cretesi e nell'antichità era famosa in tutto il mondo ellenico, nonché un grande centro di culto e di iniziazione spirituale. La grotta si trova sul lato occidentale della Altopiano di Nidaai piedi di un ripido pendio, a 1.538 metri di altezza.

Secondo Mitologia greca, ZeusQui nacque il sovrano di tutti gli dei dell'Olimpo. Il luogo appartato era importante, le sue grida erano coperte dai suoni dei tamburi e dalle danze armate dei Dattili Idaiani (Idaioi Daktyloi), mitici demoni al servizio della madre degli dei, Rhea, spesso identificato con il uriti e il Korybantes.

Le informazioni che dimostrano l'importanza di questa grotta come luogo di culto risalgono già al XV secolo a.C.. La sua fama si diffuse in tutto il mondo ellenico e divenne così uno dei più importanti centri di studi religiosi dell'antichità. Le cerimonie di purificazione e di iniziazione attiravano un gran numero di fedeli, tra i quali i grandi filosofi greci Epimede e Pitagora. Le cerimonie di iniziazione si sono svolte nel Adyton, una sezione della grotta situata in alto sulla parete occidentale della sala principale, proprio di fronte all'enorme ingresso. Le celebrazioni in onore di Zeus erano associati alla rigenerazione della natura in primavera. All'ingresso della grotta è visibile un altare sacrificale in roccia sbozzata. L'importanza della grotta è verificata anche dai numerosi reperti rinvenuti negli scavi, come armi e oggetti di uso comune, statuette di rame e argilla, manufatti in osso e avorio, tripodi e calderoni, vassoi di rame, tamburi e scudi con elaborate raffigurazioni. Oggi tutti questi oggetti sono conservati nel Museo Archeologico di Heraklion.

La prima ricerca archeologica è stata condotta dall'archeologo italiano Federico Halbherrafter nel 1884 quando un pastore di Anogia trovarono i primi manufatti antichi nella grotta. In seguito, gli scavi sono stati condotti da Stefanos Xanthoudides, Paul Faure e Spyros Marinatos. La grotta è anche legata a tradizioni popolari più recenti della zona, come quella del Charidimos e la moglie, che ha accidentalmente ucciso mentre cacciava in una zona boschiva. Monte Ida. Giannis Sakellarakis è un archeologo che ha condotto scavi sistematici sul sito, a partire dal 1983, e ha contribuito in modo determinante a far comprendere l'importanza di Ideon Andron. A questo proposito ha detto:

 

?? Le innumerevoli offerte votive, realizzate con i materiali più preziosi, come oro, argento, rame, avorio, pietre semipreziose, ma anche maiolica, cristallo di rocca, vetro, osso e argilla, tutti in grande varietà, vasi e utensili, monete, sigilli e gioielli, possono essere paragonate solo a quelle offerte in altri santuari panellenici. I famosi scudi di bronzo del Ideon Andron sono annoverate tra le più belle opere d'arte del mondo antico. Molte sono le importazioni dall'Egitto e dal Siro-palestinese costa, ma anche da zone ancora più a est. Gli artigiani del nord Siria ha lavorato per la costruzione del trono di avorio di Zeusche, secondo la leggenda, fu visto da Pitagora. Migliaia di fedeli tenevano in mano lampade a olio prodotte in varie botteghe cretesi, e forse anche in altre di Corinto, Attica, Italia e Egitto.

 

Nel Ideon Andron, le testimonianze di vita iniziano alla fine del IV millennio a.C., durante il periodo della Tardo Neoliticoe da allora è proseguito ininterrottamente. Naturalmente, il santuario ha avuto i suoi momenti salienti: nel Tardo minoico I (XVI secolo a.C.), nel Periodo geometriconell'VIII secolo a.C. e in epoca romana. Anche all'epoca dell'imperatore romano Giuliano l'Apostata (IV secolo d.C.), un certo Plutone Si dice che si sia vantato di essere stato iniziato ai Misteri della Ideon Andron. Nel II millennio a.C., il culto era incentrato sul dio minoico della vegetazione, che si credeva morisse e rinascesse ogni anno; per questo motivo il suo dio discendente, il Zeus Cretageno (= Zeus di origine cretese), anche se per tutti gli altri greci era ritenuto immortale, per i cretesi passava ogni anno nel Ideon Andron per poi rinascere. Proprio come in natura, quando tutta la vita finisce in inverno, per poi rinascere in primavera.

 

 

 

it_ITIT