Zominthos

Zominthos

Also available in English German French Italian

Zominthos è un'area situata a metà strada tra Anogia e Nida nel centro-nord di Creta. Un tempo era famosa soprattutto per le sue acque sorgive e come meta di escursioni. Oggi, tuttavia, dopo il rilevamento sistematico e gli scavi dell'archeologo Giannis Sakellarakis, Zominthos è emerso come uno dei più importanti siti archeologici di Creta. Il nome pre-ellenico del villaggio indica la sua importanza fin dall'antichità.

Sulla bassa collina a sud-est della sorgente sono stati portati alla luce importanti edifici e altri reperti, tipici di un insediamento permanente. Questo insediamento nacque probabilmente nel tardo periodo minoico (circa nel 1600 a.C.) e durò fino al 1350 a.C., quando - come ipotizzano i ricercatori - un devastante terremoto ne causò la totale distruzione. Nessun altro insediamento permanente di questo periodo a Creta, costruito a un'altitudine così elevata, è stato identificato fino ad oggi.

Nella parte occidentale e bassa della collina è stato scavato un grande edificio pubblico a due piani con caratteristiche tipiche dei palazzi minoici. In un'area adibita a laboratorio di ceramica sono stati rinvenuti numerosi vasi e utensili in argilla. Nella parte orientale e alta della collina, dietro un vecchio caseificio restaurato, sono stati portati alla luce edifici con ceramiche del XIV secolo a.C.. La sorgente di Zominthos, che oggi fornisce il villaggio di Anogiaè legata alla leggenda di un mostro che beveva la sua acqua e spaventava uomini e greggi. Il mostro venne infine ucciso da un pastore del Manouras e, come ricompensa, gli fu concesso il diritto di abbeverare per primi i loro armenti.

Zominthos Creta

Zominthos, un'impresa minoica del professore archeologo Giannis Sakellarakis (1936-2010)

 

?? Psilorite è pieno di sorprese, anche per gli archeologi. Una parola pre-ellenica sopravvissuta nel tempo, il toponimo Zominthos, ci ha aiutato a individuare un sito antico straordinario. Solo pochi anni fa è stato individuato un grande edificio minoico in questa località, circondato da un insediamento e da un cimitero; un vasto sito archeologico che attende futuri scavi.

La maggior parte delle persone che visitano il versante nord-orientale di Psiloritis e si dirigono verso la Idaeon Andronsia attraverso l'antica strada che collega Cnosso alla famosa grotta, sia attraverso la strada principale, via Anogiadi solito si fermano a riposare in Zominthos. Tuttavia, anche se non si fermano a bere un sorso d'acqua alla sorgente o ad accendere una candela nella cappella di Agia Marinama potranno comunque godere del bellissimo e rilassante paesaggio di questa piccola pianura verdeggiante. L'edificio centrale dell'antica Zominthos si trova in questo luogo incantevole e sereno, su un umile sperone di terra. Un tempo era a due piani e le pareti delle sue stanze, che oggi si possono vedere tra gli alberi, erano decorate con affreschi. Un paio di stanze che sono state scavate sono oggi alte più di due metri. Una di esse, che fungeva da laboratorio di ceramica, conteneva tutti gli strumenti e i materiali necessari ai vasai del XVI secolo a.C.: un tornio, una vasca costruita per l'argilla setacciata e una vasca per l'acqua di cottura. kouroupa (= grande vaso di stoccaggio), come quelli utilizzati dai vasai di Trapsano fino a qualche anno fa.

 

Il fatto che un'installazione artigianale di questo tipo operasse su Psiloritead un'altitudine di 1.200 metri, su base permanente, implica che l'insediamento minoico di Zominthos non si limita a soddisfare le esigenze del Ideon Andron fedeli. Un'area così ricca di risorse non poteva non essere sfruttata, nemmeno in epoca minoica; era ricca di legname ed erbe e ideale per l'allevamento. I numerosi pastori registrati sulle tavolette in Lineare B, molto probabilmente avevano i loro ovili invernali a Cnosso e i loro pascoli estivi sulle montagne. Il fatto che un caseificio veneziano sia stato costruito a Zominthose un altro successivo, entrambi recentemente sottoposti a restauro, non sono avvenuti casualmente. Un programma volto a promuovere i parchi archeologici di Psiloritee comprende il restauro di decine di mitata (capanne in pietra per i pastori), non si tratta di condurre scavi, ma di migliorare l'ambiente naturale ed edilizio e di preservare la ricchezza senza tempo delle montagne?

 

Oggi, accanto agli scavi archeologici che si stanno effettuando nell'area, si stanno restaurando edifici di epoche successive e si stanno realizzando lavori per la creazione di una Parco archeologico di Zominthos sono in corso.

 

it_ITIT