Tarra antica

Tarra antica

Also available in English German French Italian

Tarra antica era una città che sorgeva nel luogo in cui si trova l'attuale insediamento di Agia Roumeli. Si trova sulla sponda orientale del ruscello che attraversa Gola di Samarianel sud di Creta. Probabilmente era molto importante, visto che viene citata da numerosi scrittori antichi. Il suo nome deriva dalla radice tal-tar-taur, che significa gola del fiume, e alcuni studiosi ritengono che l'antica città di Taranto, in Italia meridionaleera una colonia di Tarra.

Secondo Mitologia grecaIl dio Apollo venne a Tarra dopo aver ucciso Pitone, un serpente feroce che viveva in Delfi. Dopo essersi purificato, Apollo fondò l'oracolo di Delfi e istituì i Giochi Pitici. La sacerdotessa avrebbe preso anche il nome di Pitia. In Tarra, Apollo e la ninfa Akakallida ha avuto due figli, Phylakidis e Filandro. Di conseguenza, Tarra divenne un grande centro per il culto di Apollo. Un tempio con pavimenti a mosaico era probabilmente dedicato al Dio di musica. Oggi, la chiesa del Dormizione della Vergine (Kimisi tis Theotokou) è visibile al suo posto nel cortile.

Antica Tarra Creta

Tarra divenne importante anche per i suoi laboratori di vetreria. Una stele con un'iscrizione a doppia ascia, che indica la Minoico origine della città, è annoverato tra i più notevoli reperti archeologici della zona. L'autore Lucillo e il suonatore e cantante di kithara Chrysothemis originato da Tarra. "Kithara"è l'antica versione greca di una chitarra a corde e assomiglia a una lira. Si credeva che fosse un'invenzione del dio Apollo, che viene spesso raffigurato mentre ne tiene una sulla mano destra.

Tarra ha raggiunto il suo picco durante il Romano e il Primo Bizantino periodo. Era un porto attivo e trafficato sulla rotta marittima dall'Oriente e dall'Egitto per Roma e Costantinopoli. Le grandi navi che trasportavano grano a Roma erano solite ormeggiare qui, per ripararsi dalle tempeste. Con l'aumento della pirateria nel Mediterraneo (soprattutto da parte dei Corsari), il commercio di grano sulla rotta marittima di Creta meridionale declinato. Anche se non è stato confermato, i residenti di Tarra avrebbero potuto impegnarsi in prima persona nella pirateria, dalla Primo Bizantino e in seguito. Nel VII secolo d.C. la città fu abbandonata per motivi sconosciuti.

 

it_ITIT