Antica Praisos

Antica Praisos

Also available in English German French Italian

Antica Praisos era una delle principali città del Eteocretani (= "veri" o "originali"). cretesi, i discendenti dei Minoici), e uno dei più importanti centri urbani di Creta orientale. Si trovava nell'area tra Kalamafki e Pandelis, i due rami dell'attuale fiume Stomio (antico Didimo).

Praisos era costruita su tre colline ed era circondata da forti mura. Resti di queste mura sono visibili oggi in vari punti, tra cui l'area nord-orientale sulla più alta delle tre acropoli. Qui si trovava anche la sede del consiglio comunale.

Sul più basso dei tre colli, appena fuori dalle mura della città, si trovavano un altare-santuario e una grotta sacra (ubicazione di Skoles). L'area fu probabilmente occupata fin dal Neolitico. Ceramiche neolitiche e La ceramica minoica di Kamares sono stati trovati nella grotta di Skoles, dove i fiumi Kalamafki e Pandelis incontrarsi.

Antica Praisos Creta

Dopo Creta fu conquistata dai Dori, nel 12° secolo a.C., il EteocretaniI cretesi, che si riteneva fossero i cretesi originari, si ritirarono nella parte orientale dell'isola, dove conservarono il loro carattere genuinamente minoico, la loro lingua, la loro religione e il culto di Zeus dittico. Praisos si trova al centro della Sitia penisola e all'epoca aveva due porti. Il primo Itia (attuale Sitia) sulla sponda settentrionale del Mar Cretese, e Stiles sul Mar Cretese meridionale (Mar Libico). Stiles è menzionato anche come porto di Praisos in un decreto del Praisiani. Risale al periodo del Macedone anni e parla della pesca, del commercio di Murex conchiglie da cui si ricavava la preziosa tintura di porpora e l'affitto della flotta di Stiles per scopi commerciali.

Il territorio di Praisos occupò l'intera penisola di Sitia (che allora si chiamava Eteocretese penisola o penisola dei Praisiani), esclusa l'area di Itanos. Il popolo di Gerapietrache erano di Dorico origine, alla fine vinse la lunga guerra con i Eteocretani di Praisose distrussero la loro città. Il primo Eteocretese e un gran numero di statuette in argilla sono state portate alla luce a Praisos da Federico Halbherrnel 1884. Gli scavi condotti dalla British School of Archaeology hanno dimostrato che Praisos era in realtà una città storica (ellenica). La versione precedente di Praisos, la città del Eteocratici, che è stato menzionato da Strabone, si trovava non lontano dalle rovine che si possono vedere oggi. Gli ultimi discendenti dei EteocretaniDorian I coloni costruirono la nuova città, dopo il 12° secolo a.C. quando i vecchi Praisos è stato distrutto.

Praisos degli anni Geometrici aveva un sistema politico democratico ed era governato dalla kosmoi (i governanti delle città-stato doriche in Creta), il Senato e l'Ecclesia (= corpo politico, composto da tutti i cittadini maschi). Essendo una città autonoma, coniava la propria moneta; molte delle sue monete sono state identificate oggi, e la maggior parte di esse reca rappresentazioni di Eracle, Zeus, Apollo e Demetracosì come l'iscrizione ???????? (PRAISIONE).

Antica Praisos Creta

La tomba di un Praisian L'atleta, che era stato sepolto insieme ai suoi tesori, è stato scoperto nel 1935 sulla sommità di una delle acropoli di Praisos. I manufatti più notevoli sono due anfore ateniesi decorate risalenti al 560-500 a.C.. Sembra che l'atleta avesse preso parte al Giochi Panatenaicie tornò a casa vittorioso.

Tutte le fasi della storia ellenica hanno lasciato la loro impronta su Praisosdal Neolitico, il Miceneo epoca, il Geometrico e il Ellenistico anni, al Veneziano periodo. Nel vicino villaggio di Vaveli, due fontane turche sono visibili anche oggi.

 

 

 

 

it_ITIT