Complesso di palazzi minoici a Malia

Complesso di palazzi minoici a Malia

Also available in English German French Italian

A est dell'attuale villaggio turistico di MaliaIn una fertile pianura in riva al mare, si può visitare l'importante sito archeologico del terzo più grande complesso di palazzi minoici. Il sito archeologico del Palazzo Malia è facilmente raggiungibile, appena fuori dalla strada principale da Heraklion a Agios Nikolaos. L'insediamento nell'area sembra essere iniziato nel Neolitico e proseguito in epoca minoica. Un grande insediamento era già sorto in questa zona nel Prepalaziale (2500-2000 a.C.).

Il nome minoico della città e del complesso di palazzi non è ancora noto. Si ritiene che la dinastia di Re Sarpedon, che era un fratello di Minosse e Rhadamanthus, regnarono nell'area. Anche se era un centro minoico molto importante, il palazzo di Malia si pensa che avesse un carattere e un ruolo piuttosto provinciale, rispetto ai palazzi di Cnosso e Phaistos. Fin dall'inizio del XIX secolo, gli abitanti del villaggio si erano imbattuti in vari manufatti d'oro sparsi nella zona. Alcuni scavavano addirittura di proposito, alla ricerca di questi oggetti antichi e preziosi.

La loro attività ha portato essenzialmente alla scoperta della grande Il palazzo minoico di Maliapoiché costringeva l'archeologo Iosif Chatzidakis di acquistare l'appezzamento di terreno ricco di reperti e di iniziare a scavare, nel 1915. La procedura fu poi proseguita dalla Scuola francese di archeologia di Atene. Gli scavi, che vengono condotti ancora oggi, hanno portato alla luce il terzo complesso di palazzi minoici più grande del mondo. Cretache è simile a quello di Cnosso e Phaistos. Si ritiene che il complesso di palazzi di Malia sia stato fondato nel Protopalazzo circa 2000 a.C., al centro di un fiorente insediamento già esistente. Fu distrutto nel 1700 a.C. circa e ricostruito nel 1650 a.C. circa. Un altro disastro si verificò nel 1450 a.C., lasciando il nuovo palazzo di Malia, così come il resto dei palazzi minoici di Creta, in rovina. Nel sito archeologico di MaliaSi possono vedere i reperti meglio conservati del periodo minoico protopalaziale.

Complesso di palazzi minoici a Malia

Si ritiene che il vecchio palazzo (2000-1700 a.C.) fosse più grande di quello nuovo (1650-1450 a.C.). Le rovine a nord degli alloggi del re, la strada lastricata che conduce al mare e i magazzini orientali sono datati alla seconda fase dell'esistenza del palazzo. Il nuovo complesso del palazzo copriva un'area di circa 9.000 metri quadrati ed era costruito con diversi materiali da costruzione, che probabilmente gli conferivano un aspetto meno sfarzoso, rispetto ai palazzi di Cnosso e Phaistos. Al centro del complesso del palazzo si trovava un cortile lastricato, mentre intorno ad esso erano situati vari edifici che formavano delle ali. Vi erano cinque ingressi, i principali dei quali si trovavano sul lato nord e sul lato sud.

L'area scavata del Prepalaziale Anche la città d'epoca è piuttosto estesa. Come si è potuto constatare, era costituita da botteghe di ramaioli, laboratori di pietre focaie e ceramiche, residenze e altro. La città era molto probabilmente ricca già nel Prepalaziale anni; i suoi abitanti lavoravano nell'agricoltura, nella pesca e nel commercio.

 

it_ITIT